A+ A A-

Ricorso Corte Europea dei Diritti dell’ Uomo per la MANCATA PEREQUAZIONE DELLE PENSIONI

Dopo solo 10 giorni più di 100 sono i firmatari del ricorso alla CORTE EUROPEA DI STRASBURGO .

Il dato più importante registrato è che finalmente il cittadino campano si è stancato di subire le angherie di uno Stato che si è dimenticato da 20 anni del meridione d’ Italia e che ci usa oramai come un bancomat per il Nord d’Italia.

Ciò lo si è capito già nelle elezioni del 4 Marzo dove per la prima volta il Sud Italia si è ribellato ai politici settentrionali .

Certo le motivazioni sono anche altre :

economica perché su di una pensione lorda di € 2000,00 mensili , la mancata perequazione ha visto sottrarre al pensionato al netto oltre € 300 al mese ;

perché le somme sottratte ai pensionati sono somme sottratte alla gestione non solo del beneficiario ma delle intere famiglie che vedono i loro figli disoccupati;

perché la Corte Costituzionale ha con la propria sentenza offeso e leso i diritti costituzionalmente garantiti ad ogni italiano.

Si ricorda pertanto che l’ azione è proponibile solo fino al 30/05/2018 e che solo chi aderisce al ricorso presentato innanzi alla CORTE EUROPEA beneficerà degli importi sottratti e vede la propria pensione rivalutata economicamente.

POSSONO PRESENTARE RICORSO :

  1. 1) Innanzitutto tutti coloro che già si sono rivolti allo Studio Legale Gallicola, che ha provveduto per loro conto ad inviare la messa in mora quale atto interruttivo della prescrizione dei termini.
  2. 2) Tutti coloro che sono andati in pensione prima del 01/12/2012.
  3. 3) Tutti coloro che hanno percepito dal 2012 in poi una pensione complessiva superiore ad € 1.405,00 lordi – al netto € 1.129,27 mensili e di € 1.443,00 lordi.
  4. 4) Tutti coloro che hanno inviato personalmente la messa in mora o si sono rivolti per l’invio della stessa a Patronati e Sindacati.
  5. 5) Tutti coloro che non hanno ancora inviato la messa in mora per interrompere i termini di prescrizione , i quali potranno scaricare , compilare ed inviare il modulo presente sul sito , ai recapiti dello studio corredato di fotocopia del documento d’identità , fotocopia del codice fiscale e relativo cedolino Inps.(che è possibile scaricare sul sito Inps con il proprio codice Pin).

QUANTO SI RECUPERA IN TERMINI ECONOMICI

La somma che si recupera è circa il 5-6% dell’importo mensile dovuto oltre interessi e rivalutazione.

Chiaramente ogni anno la somma dovuta aumenterà in maniera proporzionale.

Esempio: Pensione lorda € 2.000,00 arretrati al 31/12/2016 ammontano ad € 6.305,55 mensili sui 140 lordi.

COSTI

A) Costo complessivo per tutti coloro che avevano già promosso l’azione con lo Studio Legale Gallicola – Codacons Caserta € 135,00
Costo per coprire le spese vive : trasferte e costi del domiciliatario ecc.. € 50,00
Onorari comprensivi di iva e c.p.a. € 85,00

B) Totale complessivo per chi non si era rivolto allo Studio Legale Gallicola – Codacons Caserta e per tutti coloro che hanno inviato personalmente (o tramite Patronato o Sindacato) la messa in mora per l’interruzione della prescrizione € 180,00 .
Costo per coprire le spese vive : trasferte e costi del domiciliatario ecc.. € 50,00
Onorari comprensivi di iva e c.p.a. € 130,00

C) Per tutti coloro che ancora non hanno attivato alcuna procedura costo complessivo € 180,00

Costo per coprire le spese vive : trasferte e costi del domiciliatario ecc.. € 50,00

Onorari comprensivi di iva e c.p.a. € 130,00

Collegandosi al sito www.studiolegalegallicola.it troverete tutti i modelli da scaricare e le ulteriori indicazioni utili per aderire al ricorso. Inoltre è possibile contattarci al numero di telefono 0823/ 355241 e alle email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Caserta, lì 22/03/2018

Avv. Maurizio Gallicola

Powered by VPMNETIT | © Studio Legale Gallicola. All rights reserved.